Pensiero personale

L’arte non è una certezza, ma l’equilibrio instabile tra pieni e vuoti,uno spazio in continuo cambiamento, dove è possibile riappropriarsi della parte istintiva di noi stessi, quella più vera e naturale, quella che ci parla al cuore e che ci fa agire.

Vedo l’ avanzare dei miei anni sui volti delle persone che conosco e mi scopro più cresciuta,  una sognatrice cresciuta con una forte spinta razionale, con  il  bisogno di comprendere e di comprendermi,  una visionaria che non ha smesso di essere curiosa, che non ha soppresso il desiderio di imparare e raccontare il mondo che la circonda (che altro non è che la proiezione del mondo che ha dentro).

Vorrei lasciare tracce del mio esistere nel pensiero delle persone, vorrei poter parlare a coloro, che hanno voglia e desiderio di ascoltami.

Vorrei superare i  limiti fisici della scomparsa, attraverso le opere  che mi rappresentano , che grazie alla  mia onesta sono sempre il frutto della mia libertà e non della sottomissione al compiacimento altrui o delle forzature sociali.